Fallacie sillogistiche

 

Le fallacie deduttive

Fallacie sillogistiche, Affermazione del conseguente, Negazione dell’antecedente, Autocontraddittorietà, Definizione troppo ampia, Definizione  troppo stretta, Definizione  oscura, Definizione  circolare (circulus in definiendo, o diallellon) , Definizione autocontraddittoria, Ambiguità (equivocazione)


Definizione

Le fallacie sillogistiche derivano da un errore nell'applicazione delle regole del sillogismo.

 

1. Quaternio Terminorum

Secondo la 1^ regola del sillogismo (Ci devono essere solo tre termini, maggiore, minore e medio) non si può inserire un quarto termine, o addirittura un quinto, un sesto, ecc., altrimenti si cade nella fallacia della quaternio terminorum ("Ogni pesce nuota", "Qualche costellazione è pesce", allora "Qualche costellazione nuota" - il termine 'pesce' è stato usato in due sensi diversi e quindi non abbiamo tre termini distinti, ma quattro).


2. Trattamento illecito del termine (minore o maggiore)

Secondo la 2^ regola del sillogismo, il termine minore e il termine maggiore devono essere distribuiti in modo uguale nelle premesse e nella conclusione. Se così non fosse, il termine presente nelle premesse sarebbe inteso in senso diverso dal termine presente nella conclusione e si cadrebbe o nella fallacia del trattamento illecito del termine maggiore o nella fallacia del trattamento illecito del termine minore. Si possono comunque inserire tali due fallacie all'interno della fallacia del quaternio terminorum in quanto il termine delle premesse e il termine della conclusione non sarebbe più il medesimo e quindi avremmo quattro termini (esempio a. "Tutti gli uomini sono animali", "Nessun cavallo è un uomo", allora "Nessun cavallo è un animale" - nella premessa maggiore il termine 'animale' non è distribuito mentre lo è nella conclusione; esempio b. "Tutti i nichilisti sono pericolosi", "Tutti i nichilisti sono critici", allora "Tutti i critici sono pericolosi" - nella premessa minore il termine 'critico' non è distribuito mentre nella conclusione lo è).


3. Medio incluso

Secondo la 3^ regola del sillogismo, il termine medio non deve mai essere presente nella conclusione. In caso contrario, si cadrebbe nella fallacia del medio incluso ("Tutti gli ateniesi sono greci", "Alcuni ateniesi sono filosofi", allora "Alcuni filosofi sono ateniesi" - la conclusione corretta sarebbe: "Alcuni filosofi sono greci").


4. Medio non distribuito

Secondo la 4^ regola del sillogismo, il termine medio deve essere distribuito in almeno una delle due premesse. Se così non fosse, si cadrebbe nella fallacia del medio non distribuito poiché il medio non collegherebbe più i due termini ed essi potrebbero essere connessi a sottoclassi diverse della classe designata dal termine medio ("Tutti gli elefanti sono mammiferi", "Tutti i topi sono mammiferi", allora "Tutti i topi sono elefanti" - la classe degli elefanti e la classe dei topi sono sottoclassi disgiunte della classe dei mammiferi e quindi il termine medio, ovvero 'mammifero', non svolge la sua funzione di correlazione fra il termine maggiore, ovvero 'elefante', e il termine minore, ovvero 'topo'). Anche in questo caso si può parlare della fallacia della quaternio terminorum in quanto 'mammiferi' è usato in due modi diversi e quindi vi sono due termini 'mammifero'. Un esempio valido è il seguente: "Tutti gli elefanti sono mammiferi", "Nessun rettile è un mammifero", allora "Nessun rettile è un elefante". In questo caso il medio 'mammifero' è distribuito nella premessa minore e quindi il sillogismo è valido.


5. Premesse negative

Secondo la 5^ regola del sillogismo, da due premesse negative non segue alcuna conclusione. Il fatto che due cose siano diverse da una terza non comporta necessariamente che abbiano a che fare fra di loro. Cade nella fallacia delle premesse negative chi non soddisfa questa regola ("Nessun pesce è un mammifero", "Nessun rettile è un pesce", allora "Nessun rettile è un mammifero").


6. Premesse affermative e conclusione negativa

Secondo la 6^ regola del sillogismo, da due premesse affermative segue una conclusione affermativa. Visto che se due cose sono connesse positivamente allo stesso medio, devono anche essere connesse positivamente fra di loro nella conclusione. Cade nella fallacia delle premesse affermative e conclusione negativa chi non soddisfa questa regola ("Tutti gli animali differiscono dagli angeli", "Tutti gli uomini sono animali", allora "Nessun uomo è un angelo").


7. Premesse particolari

Secondo la 7^ regola del sillogismo, da due premesse particolari non segue alcuna conclusione. Cade nella fallacia delle premesse particolari chi non segue questa regola ("Qualche mammifero vive nell'acqua", "Qualche volatile è un mammifero", allora "Qualche volatile vive nell'acqua").


8. Fallacia del peggiorativo

Secondo la 8^ regola del sillogismo, la conclusione contiene sempre la parte peggiorativa delle premesse. Ossia se una premessa è negativa, la conclusione deve essere negativa; se una premessa è particolare la conclusione deve essere particolare. Cade nella fallacia del peggiorativo chi non soddisfa questa regola ("Tutti i cani abbaiano", "Qualche cane è un animale domestico", allora "Tutti gli animali domestici abbaiano").

 

Si noti che in alcuni esempi di sillogismi fallaci, la conclusione è vera. Infatti, è possibile ottenere una conclusione vera per mezzo di un ragionamento errato.

 

 

Torna allo schema generale

     

 


Quest'opera è stata rilasciata sotto la licenza Creative Commons Attribuzione- Non Commerciale - NoOpereDerivate 2.5 Italy.  

Per leggere una copia della licenza visita il sito web o spedisci una lettera a Creative Commons, 559 Nathan Abbott Way, Stanford, California 94305, USA.